Presentazione del Fondo librario “Solvay”

venerdì 5 aprile 2019
ore 21:15
Biblioteca comunale
Centro culturale Le Creste, via della Costituzione Rosignano Solvay (LI)
presentazione del
Fondo librario “Solvay”
Saluti del Sindaco
Alessandro Franchi
descrizione della collezione
A cura di Simona Vanni
Bibliotecaria Coop Il Cosmo
CONVERSAZIONE
con Marco Santagata
studioso di letteratura italiana, insegna all’Università di Pisa. All’attività di storico e di critico della letteratura affianca quella di narratore.
ingresso libero
La biblioteca comunale nel 2018 acquisisce, tramite donazione dell’Associazione “Università Popolare” di Rosignano Solvay, quello che è definito il “Fondo Solvay”, ossia una cospicua parte, la più antica, del patrimonio librario di quella che una volta era la Biblioteca dell’Università Popolare.
Si tratta di un gruppo di 2250 volumi quasi sempre in lingua francese e italiana (2208 monografie e 42 periodici) rilegati in tela prevalentemente nera, con iscrizioni dorate sul costolo: fra questi sono presenti gli acquisti della Società Solvay per la Biblioteca Aziendale di Rosignano negli anni dal 1916 al 1945.
I volumi monografici sono editi fra la fine del 1800 fino agli anni Sessanta del secolo scorso, e per la maggior parte risalgono agli anni Venti e Trenta; fanno parte del fondo le annate dal 1917 al 1937 (con lacune) della rivista milanese “L’Illustrazione Italiana”, edita dai Fratelli Treves, e le annate dal 1917 al 1938 della parigina “L’Illustration: journal universel”. Sono inoltre presenti volumi di datazione più antica, frutto di donazioni di privati e di associazioni, come ad esempio edizioni pregevoli dei romanzi di Francesco Domenico Guerrazzi, oggi introvabili, libri sulla storia della navigazione e persino un libro antico: Le sei giornate di messer Sebastiano Erizzo (1805).
Il lungo lavoro di riordino e sistemazione del fondo ha fatto sì che il materiale fosse inventariato, collocato in una sezione appositamente creata, catalogato su programma informatico e inserito nei cataloghi online del Sistema Documentario Provinciale Livornese e del Sistema Bibliotecario Nazionale, in modo che tutti possano conoscerne l’esistenza e richiederne la consultazione.